La scuola di Poker di Betaland Italia
scuola di poker

Betaland:La tecnica dello Slow Play, il bluff all'incontrario!

Su Betaland molti giocatori di poker, soprattutto i nuovi iscritti, quando si parla di bluff sono portati a pensare che si tratti di una giocata azzardata, fatta con punteggio fra le mani nullo o poco significativo, con puntate aggressive per spaventare gli avversari e scoraggiarli dal rilancio o dalla copertura, allo scopo di prendersi il banco maturato a terra fino a quel momento. In realtà non è così o meglio, non è solo così. Infatti con questo articolo andremo a vedere quali sono le tecniche utilizzate dai giocatori di poker su Betaland.

Tecniche Bluff nel Poker da utilizzare su Betaland Poker

Come detto in precedenza, esistono diverse tecniche per bleffare nel Poker,una di queste tecniche utilizzate principalmente su Betaland. Questa tecnica va sotto il nome di slow play (giocata lenta) e consiste nell'effettuare solo coperture o al massimo piccoli rilanci avendo in mano ottimi punteggi, nel tentativo di trattenere quanto più a lungo possibile gli avversari allo scopo di far cresce il banco.

Lo Slow play a differenza del bluff classico non è attuabile qualsiasi volta lo si desideri applicare, anzi in realtà sono abbastanza esigue le occasioni in cui conviene attuarlo su Betaland. Per praticare lo slow play in modo ottimale infatti bisogna avere un punteggio imbattibile o per lo meno davvero forte. Le condizioni favorevoli per metterlo in pratica possono essere il fattore posizione sul tavolo,quando se ne è avvantaggiati in modo da poter tenere sotto controllo la mano in corso portando il ritmo delle puntate ed essendo cosi in condizione di rendersi conto se la mano stia diventando un po' troppo rischiosa; oppure quando si conosce davvero bene le abitudini degli avversari e magari si sta giocando una mano in heads-up (un testa a testa, uno contro uno).

Sono quindi parecchi i fattori da considerare prima di partire con una mano slow play su Betaland Poker, e talvolta questa tecnica può rivelarsi molto rischiosa se non gestita bene. In definitiva la tecnica dello slow play ha dalla sua la possibilità di poter diventare redditizia una mano in cui se giocata attivamente in maniera aggressiva per la consapevolezza del proprio punteggio, potrebbe allontanare anzitempo tutti gli avversari con la conseguente vincita di un “piatto troppo leggero”. Di contro però, se non si gestisce bene la mano o si effettua lo slow play con un buon punteggio ma non imbattibile, si rischia di far rientrare in gioco avversari che poi possono essere pericolosi nel proseguimento della mano, col paradosso finale di perdere una mano praticamente vinta in partenza.

Da tutte queste controversie si evince facilmente che lo slow play utilizzata su Betaland è una tecnica che va affinata solo con l'esperienza sul campo. Maneggiare con cura! Vi apettiamo alla prossima lezione di Scuola di Poker di Betaland Italia